2011 o 1938?

Quando penso che questo paese abbia raggiunto il fondo, quando penso che il limite sia stato ampiamente raggiunto e che tutto sia pronto per una spallata democratica a questo sistema fatto di sottocultura e demenza senile ecco che puntualmente vengo smentito… il peggio c’è e mi lascia sempre a bocca aperta.

Non parlo di quei signori chiusi da un paio di giorno in parlamento che, tra un cruciverba e una partita con l’i-pad, stanno facendo di tutto per bloccare l’ennesimo processo al povero “incensurato” Berlusconi incuranti degli altri 15000 processi che la loro legge bloccherà…

No, parlo della crociata che la grande storica e regina della cultura Gabriella Carlucci (insieme alla scudiera MariaStar Gelmini) ha deciso di intraprendere contro i libri di scuola.

La scuola pubblica infatti “inculcherebbe” valori contrari a quelli auspicabili e quindi la questione sarà discussa e considerata nel modo giusto.

Gabriella Carlucci nella proposta rincara la dose: “Può la scuola di Stato, quella che paghiamo con i nostri soldi, trasformarsi in una fabbrica di pensiero partigiano?”. Perché il problema è che, con infinita capacità di coordinamento, negli ultimi anni gli editori scolastici hanno ordito una battaglia ossessiva e sleale “osannando l’attuale schieramento di sinistra.”

Ma la questione alla fine è sempre una… la descrizione del grande B. che nella parte di storia contemporanea non è gradita ai grandi storici e statisti del nostro governo.

In ogni caso questi sono i grandissimi orrori “comunisti” indicati nei libri di scuola che facciamo leggere ai nostri ragazzi:

Dal 1948 «l’attuazione della Costituzione sarebbe diventato uno degli obiettivi dell’azione politica delle forze di sinistra e democratiche». (Da «Storia», volume III, di De Bernardi-Guarracino, edito da Bruno Mondadori.)

Palmiro Togliatti, «un uomo politico intelligente, duttile e capace di ampie visioni generali»;

Enrico Berlinguer, «un uomo di profonda onestà morale e intellettuale, misurato e alieno alla retorica»;

Alcide De Gasperi, «uno statista formatosi nel clima della tradizione politica cattolica». (Da «La storia» di Della Peruta-Chittolini-Capra, edito da Le Monnier.)

Questi sono, solo per citarne i “più gravi”, gli orrori storici che gli studenti leggerebbero venendo irrimediabilmente plagiati!

Io non so più cosa pensare, tutto questo succedeva solo nei regimi totalitari del secolo scorso e per citare un regime a caso in quello fascista quando fitti di sistemi di censura (e di autocensura poi, quando gli autori per poter scrivere pensavano con la testa dei potenti) e punizioni regolavano la stampa e i libri…

Che bel paese.

Annunci

Informazioni su sognirock

scrivo quello che mi passa per la testa sul mondo e su quello che mi piace (e non)... e ricordate: in tutte le questioni di opinione i miei avversari sono pazzi!
Questa voce è stata pubblicata in Pensieri. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...